Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 19 ottobre 2018 data
Torna alla versione grafica - home

NovitÓ



Verbania , 19 ottobre 2018
Ultimo aggiornamento: 25.09.2014



Percorso di navigazione

Strumento

NovitÓ

 

Contenuto della pagina

25.09.2014

Tassa di concessione governativa: non Ŕ pi¨ dovuta per iniziare una attivitÓ di impiantistica, autoriparazione, pulizia, facchinaggio.


La Direzione Centrale Normativa dell'Agenzia delle Entrate, in risposta ad un interpello, stabilisce che la tassa di concessione governativa di cui all'art. 22, punto 8, della tariffa annessa al DPR n. 641 del 1972 (pari ad € 168,00) NON è dovuta in caso di presentazione al Registro delle Imprese di una segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) di impiantistica, autoriparazione, pulizia, facchinaggio, perché il presupposto per il suo pagamento non sorge quando dalla segnalazione di inizio attività (SCIA) stessa non scaturisca alcuna iscrizione in un albo elenco o registro che risulti abilitante per l'esercizio dell'attività.

.