Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 30 ottobre 2020
Torna alla versione grafica - home

La normativa comunitaria e la normativa italiana



Verbania , 30 ottobre 2020
Ultimo aggiornamento: 10.01.2007



Servizi



LA NORMATIVA COMUNITARIA E LA NORMATIVA ITALIANA

Contenuto pagina

L'obbligo di utilizzo del cronotachigrafo digitale Ŕ stato introdotto dalle norme dell'Unione Europea, recepite poi nell┤ordinamento italiano.
Il Regolamento CE 2135/98 (file in formato pdf - 21 pagine, 328 KB) modificando la precedente normativa sui cronotachigrafi analogici, prevede il passaggio agli apparecchi digitali. Il successivo Regolamento CE 1360/02 (file in formato pdf - 252 pagine, 4147 KB) contiene le specifiche tecniche e i requisiti funzionali del sistema cronotachigrafo digitale-carta tachigrafica. Da ultimo, il Regolamento CE 561/2006 (file in formato pdf - 13 pagine, 417 KB) ha ridefinito le categorie di veicoli che devono essere dotati di cronotachigrafo digitale, e ha fissato al 1░ maggio 2006 il giorno in cui lo strumento digitale diverrÓ obbligatorio sui veicoli di nuova immatricolazione.
Nell'ordinamento italiano, il D.M. 31 ottobre 2003, n. 361 (file in formato pdf - 10 pagine, 254 KB) reca le disposizioni attuative del citato Regolamento CE 2135/98. Il D.M. 23 giugno 2005 (file in formato pdf - 8 pagine, 142 KB) disciplina le modalitÓ per il rilascio delle carte tachigrafiche e per la loro registrazione. Il D.M. 11 marzo 2005 (file in formato pdf - 11 pagine, 1287 KB) stabilisce modalitÓ e condizioni per il rilascio delle omologazioni del cronotachigrafo e delle carte tachigrafiche e per il rilascio delle autorizzazioni per le operazioni di montaggio e riparazione, quindi interessa in particolar modo i centri tecnici (officine) che operano sui cronotachigrafi. Questo decreto ha subýto recenti modifiche ad opera del D.M. 21 febbraio 2006 (file in formato pdf - una pagina, 25 KB). Il D.M. 31 marzo 2006 (file in formato pdf - 2 pagine, 49 KB) ha stabilito le modalitÓ di trasferimento e conservazione dei dati registrati dal tachigrafo digitale (obbligo che compete alle imprese e ai conducenti).
La normativa sui cronotachigrafi digitali Ŕ entrata pienamente a regime a seguito della Circolare del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 6 dicembre 2006, (file in formato pdf - 2 pagine, 189 KB) che ha sancito la fine del regime transitorio in vigore dal mese di dicembre 2005: dal 15 gennaio 2007 non sarÓ pi¨ consentito condurre un mezzo dotato di tachigrafo digitale annotando manualmente i tempi di guida e di riposo sui fogli di registrazione cartacei. Per la guida dei mezzi dotati dello strumento digitale Ŕ necessario ora utilizzare la carta tachigrafica, da richiedere presso gli sportelli della Camera di commercio.


 



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Regolazione del mercato

Riferimento Umberto DonÓ
Indirizzo Strada statale del Sempione, n. 4 - 28831 Baveno (VB)
Telefono 0323/912.842
Fax 0323/922.054
E-mail regolazione.mercato@vb.camcom.it, regolazione.mercato@vb.legalmail.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý dalle 10.00 alle 12.30

[ inizio pagina ]