chiudi

Comunicato sindacale

Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 22 gennaio 2018
Torna alla versione grafica - home

Cronotachigrafi digitali



Verbania , 22 gennaio 2018
Ultimo aggiornamento: 08.04.2011



Servizi



CRONOTACHIGRAFI DIGITALI

Contenuto pagina

COS'╚ IL CRONOTACHIGRAFO DIGITALE
Il cronotachigrafo digitale Ŕ un apparecchio in grado di registrare in una memoria interna diversi dati relativi alla circolazione del veicolo commerciale sul quale Ŕ installato (ad esempio: velocitÓ, distanza percorsa, tempi di guida e di riposo, identitÓ del conducente), per un lungo periodo di tempo, fino a 365 giorni per alcuni dati. Per un periodo di tempo pi¨ limitato, mediamente 28 giorni lavorativi, i dati sono memorizzati anche sulla carta tachigrafica, una scheda dotata di microcircuito che il conducente deve inserire nello strumento prima di mettersi alla guida.
Nel settore dei trasporti su strada questo sistema di controllo sostituirÓ gradualmente il cronotachigrafo analogico in uso attualmente, che registra i dati su un disco di carta.

L'ENTRATA IN VIGORE DELL'OBBLIGO DI INSTALLAZIONE
Sulla Gazzetta Ufficiale dell'Unione Europea dello scorso 11 aprile Ŕ stato pubblicato il regolamento che sancisce l'obbligo di installazione del cronotachigrafo digitale sui veicoli immatricolati a partire dal 1░ maggio 2006.
Nello scorso mese di dicembre le istituzioni dell'Unione Europea avevano prorogato la data di entrata in vigore dell'obbligo di installazione dei cronotachigrafi digitali, che era fissata al 1░ gennaio 2006. In una dichiarazione congiunta del 6 dicembre 2005 il Consiglio dell'Unione e il Parlamento europeo si erano impegnati ad adottare nel mese di aprile 2006 un regolamento e una direttiva sui tempi di guida e di riposo dei conducenti professionisti.

I PAESI INTERESSATI
I paesi interessati dall'obbligo di installazione del nuovo strumento sono i 25 Paesi membri dell'Unione Europea, ma hanno aderito anche Svizzera, Liechtenstein, Norvegia e Islanda.
Queste nazioni hanno creato una rete telematica denominata TACHOnet, che, collegando gli archivi nazionali, consente di scambiarsi le informazioni sulle carte tachigrafiche emesse in tutta Europa, e sulle vicende che le riguardano (rinnovi, sostituzioni, sospensioni, smarrimenti, ecc.).
Nei singoli Paesi vi Ŕ un┤AutoritÓ per l'emissione delle carte (Card Issuing Authority), che gestisce l'iter di emissione, registrazione, rinnovo, sostituzione, cambio di status delle carte tachigrafiche.
In Italia l'AutoritÓ per l'emissione delle carte, come previsto dal D.M. 31 ottobre 2003, n. 361, Ŕ il sistema camerale: in particolare le Camere di Commercio ricevono le richieste da parte dei soggetti obbligati ad avere la carta, Infocamere (societÓ consortile delle Camere di commercio) elabora materialmente le schede (smart card) inserendovi un certificato digitale che le personalizza, Unioncamere (Unione delle Camere di commercio italiane) coordina le Camere nello svolgimento delle loro funzioni. 

I VANTAGGI
Il nuovo sistema cronotachigrafico digitale ha diversi vantaggi: mantiene in memoria i dati relativi alla circolazione del veicolo e all'attivitÓ del conducente per un periodo di tempo molto pi¨ lungo rispetto allo strumento analogico (con disco cartaceo); offre sicurezza contro le manipolazioni fraudolente dello strumento, purtroppo diffuse; registra i dati in forma facilmente consultabile dagli organi preposti ai controlli e dall'azienda che utilizza il mezzo di trasporto, rendendo pi¨ agevole la gestione della flotta di veicoli e l'organizzazione del lavoro dei conducenti.
Queste caratteristiche erano ben presenti al Consiglio dell'Unione Europea quando ha introdotto l'obbligo dello strumento digitale: l'intento a livello comunitario Ŕ di garantire maggiore sicurezza nella circolazione stradale e tutelare dalla concorrenza sleale le aziende di trasporto che operano nel rispetto delle norme relative a tempi di guida e riposo dei conducenti.





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Regolazione del mercato

Riferimento Umberto DonÓ
Indirizzo Strada statale del Sempione, n. 4 - 28831 Baveno (VB)
Telefono 0323/912.842
Fax 0323/922.054
E-mail regolazione.mercato@vb.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý dalle 10.00 alle 12.30

[ inizio pagina ]