Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 20 settembre 2018
Torna alla versione grafica - home

Imprese Artigiane



Verbania , 20 settembre 2018
Ultimo aggiornamento: 13.06.2014



Servizi



IMPRESE ARTIGIANE

Contenuto pagina

Fonti normative

Legge 8 agosto 1985, n. 443: Legge-quadro per l’artigianato

Legge Regione Piemonte 14 gennaio 2009, n. 1 : “ Testo Unico in materia di Artigianato”

Legge Regione Piemonte 23 aprile 2013, n. 5

 

Impresa Artigiana

E' artigiana l'impresa che ha come scopo prevalente lo svolgimento di un'attività di produzione di beni, anche semilavorati, o di prestazioni di servizi, escluse le attività agricole, commerciali, di intermediazione di beni o ausiliari di queste ultime, di somministrazione di alimenti o di bevande.

 

Imprenditore Artigiano

E' imprenditore artigiano chi esercita personalmente, professionalmente e in qualità di titolare l'impresa artigiana e svolge in misura prevalente il proprio lavoro, anche manuale, nel processo produttivo. L’impresa artigiana, nei limiti dimensionali e nelle forme giuridiche previste dalla legge, può essere svolta anche in forma di società.

 

Annotazione nel Registro delle Imprese

Con la qualifica di impresa artigiana sono annotate nella sezione speciale del registro delle imprese presso la CCIAA competente per territorio nella cui circoscrizione è posta la sede legale dell'impresa, le imprese artigiane in possesso dei requisiti dichiarati mediante la comunicazione unica per la nascita dell'impresa. L'annotazione comporta l'inserimento negli elenchi previdenziali artigiani (tenuti dall’INPS) del titolare, dei soci partecipanti al lavoro e degli eventuali collaboratori familiari.

 

ABOLIZIONE DELL’ALBO  DELLE IMPRESE ARTIGIANE E DELLA COMMISSIONE PROVINCIALE PER L’ARTIGIANATO.

La Legge Regionale n. 5 del 23 aprile 2013 Modifiche della legge regionale 14 gennaio 2009, n. 1 s.m.i. (Testo Unico in materia di artigianato) e della legge regionale 9 dicembre 1992, n. 54 (Norme di attuazione della legge 4 gennaio 1990, n. 1 Disciplina dell’attività di estetista) ) - BU n. 17 - Supplemento 1 del 30/04/2013 - ha semplificato  l’iter burocratico per l’acquisizione della qualifica di impresa artigiana attraverso la soppressione dell’Albo delle imprese artigiane sostituito a tutti gli effetti dal registro imprese (art. 22  Annotazione, modifica e cancellazione nel registro delle imprese) e l’eliminazione delle Commissioni provinciali per l’artigianato  (art. 24 Abrogazione di norme).

Dal 15/05/2013, data di entrata in vigore della Legge Regionale, le funzioni amministrative concernenti l’annotazione, modificazione e cancellazione delle imprese artigiane nella sezione speciale del registro delle imprese sono delegate alle Camere di commercio.

Con la qualifica di impresa artigiana sono annotate nella sezione speciale del registro delle imprese - presso la CCIAA competente per territorio nella cui circoscrizione è posta la sede legale dell'impresa -  le imprese artigiane in possesso dei requisiti dichiarati  mediante la Comunicazione Unica per la nascita dell'impresa. L'annotazione della qualifica artigiana delle imprese nel registro delle imprese ha carattere costitutivo.

Alla Camera è affidato il compito di trasmettere l'annotazione della qualifica artigiana ed ogni modificazione intervenuta sulla posizione artigiana alla sede provinciale dell'INPS ai fini dell’applicazione della legislazione in materia di assicurazione, di previdenza e di assistenza (articoli 22 e 23 Annotazione nel registro delle imprese).

 

Le forme giuridiche iscrivibili sono pertanto:

 a) impresa individuale;

 b) società in nome collettivo a condizione che la maggioranza dei soci, ovvero uno in caso di due soci, svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo;

 c) società in accomandita semplice, a condizione che ciascun socio accomandatario sia in possesso dei requisiti indicati dall'art. 2 e non sia unico   socio di altra società a responsabilità limitata o socio accomandatario di altra società in accomandita semplice;

 d) società a responsabilità limitata con unico socio  a condizione che il socio unico sia in possesso dei requisiti di cui all'art. 2 e non sia socio unico  di  altra società a responsabilità limitata o socio accomandatario di altra società in accomandita semplice;

 e)  società a responsabilità limitata pluripersonale a condizione che la maggioranza dei soci svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo e detenga la maggioranza del capitale e degli organi deliberanti della società;

f) società cooperativa a condizione che la maggioranza dei soci svolga in prevalenza lavoro personale, anche manuale, nel processo produttivo.

 

RICORSI

Contro le decisioni del Registro delle Imprese in merito di imprese artigiane è ammesso ricorso in via amministrativa alla Commissione Regionale per l'Artigianato, entro 60 giorni dalla notifica delle decisioni stesse.

 

SANZIONI

 

 





Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Anagrafe delle Imprese - Imprese Artigiane

Riferimento  
Indirizzo Strada statale del Sempione, n. 4 - 28831 Baveno (VB)
Telefono 0323/912.841 - 912.829
Fax 0323/922054
E-mail registro.imprese@vb.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý dalle 10.00 alle 12.30

[ inizio pagina ]