Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 22 ottobre 2018
Torna alla versione grafica - home

Sanzioni per violazioni nel pagamento del diritto annuale, nuova modalitÓ di riscossione



Verbania , 22 ottobre 2018
Ultimo aggiornamento: 14.02.2012



Chi siamo



default image
default image

SANZIONI PER VIOLAZIONI NEL PAGAMENTO DEL DIRITTO ANNUALE, NUOVA MODALIT└ DI RISCOSSIONE

Contenuto pagina



La Camera di commercio del Verbano Cusio Ossola, a partire dalle violazioni del diritto annuale relative all'anno 2007, abbandonerÓ la modalitÓ di riscossione tramite atto contestuale di accertamento e irrogazione di sanzione a favore dell'emissione di ruoli, come stabilito con determinazione del segretario generale n. 26 del 3 febbraio 2012.
Questa scelta si giustifica sulla base di diverse considerazioni, le cui principali sono:
dare maggiore risalto alle richieste dell'ente, dal momento che si Ŕ riscontrato un numero notevole di atti di accertamento notificati (quindi ricevuti nella sede dell'impresa, della societÓ o nella residenza di uno dei soci) a cui non Ŕ seguito nÚ il pagamento nÚ una richiesta di chiarimenti o informazioni; a questo proposito si chiarisce che l'attivitÓ di sanzione delle irregolaritÓ nel pagamento del diritto annuale, obbligatoria per l'ente, oltre a perseguire il fine di recuperare risorse da reinvestire nel territorio e della paritÓ di trattamento nei confronti di tutte le imprese, ha anche lo scopo di entrare in contatto con quelle imprese che, a volte da anni, non danno segno di vitalitÓ, in modo da invitarle, quando necessario e in mancanza di attivitÓ di impresa, alla cancellazione dal registro delle imprese. Solo in questa maniera viene salvaguardata l'integritÓ dei dati degli archivi del registro delle imprese.

Altra considerazione Ŕ il fatto che, in caso di mancata notifica dell'atto di accertamento o mancato o incompleto pagamento dello stesso, l'ente si vede in ogni caso costretto ad emettere ruoli.

Infine, a conti fatti, sebbene con i ruoli l'impresa debba relazionarsi con l'agente della riscossione - Equitalia - il ricorso a emissione di ruoli Ŕ meno oneroso per l'impresa: sia per le ditte individuali (aggio massimo del 9% su un importo di euro 97,00 per la sede, pari a euro 8,73 contro i 15,00 euro di rimborso spese di notifica dell'atto di accertamento) che per gran parte delle societÓ (in questo caso il rimborso delle spese di notifica Ŕ dovuto dalla societÓ e da ciascun socio).
Cambia, come detto, la modalitÓ di riscossione ma restano ferme le modalitÓ di calcolo e le misure delle sanzioni per le violazioni del diritto annuale come da regolamento camerale allegato alla determinazione del Segretario Generale n. 146 del 20/10/2005 Criteri di determinazione delle sanzioni amministrative tributarie, applicabili nei casi di violazioni relative al diritto annuale dovuto alla Camera di commercio, pubblicato in questa sezione del sito. Le misure delle sanzioni applicate dalla Camera di commercio sono le minime di legge.



Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]