Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 24 settembre 2018
Torna alla versione grafica - home

Commercio all'ingrosso



Verbania , 24 settembre 2018
Ultimo aggiornamento: 30.09.2014



Servizi



default image

COMMERCIO ALL'INGROSSO

Contenuto pagina

 

Requisiti per l’esercizio dell’attività

L’esercizio dell'attività di commercio all'ingrosso di prodotti alimentari (e non alimentari), è subordinato al possesso dei requisiti di onorabilità previsti dall'articolo 71, comma 1, del decreto legislativo n. 59/2010 e dei requisiti antimafia di cui all’art. 67 del Dlgs 59/2010.

Dal 14/9/2012, con l'entrata in vigore del D.Lgs. n. 147/2012 (modificativo dei decreti legislativi n. 114/98 e n. 59/2010) non è più necessario il possesso dei requisiti professionali per l’esercizio dell’attività di commercio all’ingrosso nel settore alimentare.

In particolare non possono esercitare l'attività di commercio all’ingrosso(art. 71, comma 1 del D.Lgs. n. 59/2010):

  • coloro che sono stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza, salvo che abbiano ottenuto la riabilitazione;
  • coloro che hanno riportato una condanna, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale;
  • coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna a pena detentiva per uno dei delitti di cui al libro II, Titolo VIII, capo II del codice penale, ovvero per ricettazione, riciclaggio, insolvenza fraudolenta, bancarotta fraudolenta, usura, rapina, delitti contro la persona commessi con violenza, estorsione;
  • coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, una condanna per reati contro l'igiene e la sanità pubblica, compresi i delitti di cui al libro II, Titolo VI, capo II del codice penale;
  • coloro che hanno riportato, con sentenza passata in giudicato, due o più condanne, nel quinquennio precedente all'inizio dell'esercizio dell'attività, per delitti di frode nella preparazione e nel commercio degli alimenti previsti da leggi speciali;
  • coloro che sono sottoposti a una delle misure di prevenzione o misure di sicurezza di cui al Decreto Legislativo 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle Leggi Antimafia).

Il divieto di esercizio dell'attività, per le cause previste ai precedenti punti 2, 3, 4, 5, 6, permane per la durata di cinque anni a decorrere dal giorno in cui la pena è stata scontata. Qualora la pena si sia estinta in altro modo, il termine di cinque anni decorre dal giorno del passaggio in giudicato della sentenza, salvo riabilitazione (art. 71, comma 3 del D.Lgs. n. 59/2010).

Il divieto dì esercizio dell'attività non si applica qualora, con sentenza passata in giudicato sia stata concessa la sospensione condizionale della pena sempre che non intervengano circostanze idonee a incidere sulla revoca della sospensione (art. 71, comma 1 del D.Lgs. n. 59/2010).

Non possono esercitare l’attività di commercio all’ingrosso coloro nei cui confronti sussistono cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’articolo 67 del D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159.

 

Come si avvia l’attività

L’attività può essere iniziata dalla data di presentazione della Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) al Registro Imprese della Camera di Commercio della provincia nella quale l’impresa esercita l’attività e della eventuale SCIA sanitaria al SUAP del Comune dove ha sede l’attività.  

La Segnalazione Certificata di Inizio Attività da presentare al Registro delle Imprese è una comunicazione con la quale si autocertifica il possesso dei requisiti di onorabilità per l’esercizio dell’attività (vedi allegato 1). La segnalazione deve essere accompagnata dalla autocertificazione antimafia (vedi allegato 2). La SCIA corredata della autocertificazione antimafia deve essere presentata in modalità telematica al Registro delle Imprese unitamente al modello I2 (18 euro di diritti di segreteria e 17,50 per l’imposta di bollo).

 

Scarica il modello di autocertificazione antimafia.

 


Scarica la Modulistica Scia per commercio all'ingrosso.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Ufficio di riferimento

Per informazioni rivolgersi a:

Anagrafe delle Imprese - Imprese Artigiane

Riferimento  
Indirizzo Strada statale del Sempione, n. 4 - 28831 Baveno (VB)
Telefono 0323/912.841 - 912.829
Fax 0323/922054
E-mail registro.imprese@vb.camcom.it
Orari Da lunedý a venerdý dalle 10.00 alle 12.30

[ inizio pagina ]