chiudi

Comunicato sindacale

Questo sito utilizza cookie per inviarti informazioni sulla nostra organizzazione in linea con i tuoi interessi/le tue preferenze e cookie di analisi statistica di terze parti anche per fini non tecnici. Se vuoi saperne di pi¨ o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento soprastante questo banner acconsenti all'uso di tutti i cookie.

RIMUOVI

Versione solo testo - Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura del Verbano Cusio Ossola, 16 dicembre 2017
Torna alla versione grafica - home

Deposito atti per notifica



Verbania , 16 dicembre 2017
Ultimo aggiornamento: 22.08.2017



Servizi



default image
default image

DEPOSITO ATTI PER NOTIFICA


Contenuto pagina

 

Dal 1° Luglio sono entrate in vigore nuove norme per il complesso processo di notifica a mezzo PEC degli avvisi di accertamento e degli altri atti indirizzati alle imprese individuali, società e professionisti iscritti in albi ed elenchi:             

l'art. 7 quater D.L. n.193 del 22 ottobre 2016 attribuisce direttamente ad InfoCamere S.c.p.a.– e non più alle Camere di Commercio come stabiliva la previgente normativa – l’onere di assicurare la pubblicazione delle informazioni di deposito sul proprio sito informatico degli avvisi e degli altri atti che non è stato possibile notificare via PEC.

La nuova modalità di notifica ricalca quanto già previsto per le cartelle esattoriali dal 1° giugno 2016, in virtù delle novità introdotte dall’art. 14 del DLgs.159/2015, ed estende l’ambito di applicazione a tutti gli Enti impositori, tra i quali la nuova Agenzia delle entrate-Riscossione (ex Equitalia).

 

Cliccando il banner sottostante verrete indirizzati alla pagina di deposito degli avvisi e altri atti che per legge devono essere notificati:

 

 

Riferimenti normativi:
 

Decreto Legislativo 22 ottobre 2016, n. 193

Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili.
Pubblicato nella Gazz. Uff. 24 ottobre 2016, n. 249.
 
Art. 7-quater. Disposizioni in materia di semplificazione fiscale
 

6. All'articolo 60 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600 è aggiunto, in fine, il seguente comma:
«In deroga all'articolo 149-bis del codice di procedura civile e alle modalità di notificazione previste dalle norme relative alle singole leggi d'imposta non compatibili con quelle di cui al presente comma, la notificazione degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati alle imprese individuali o costituite in forma societaria e ai professionisti iscritti in albi o elenchi istituiti con legge dello Stato può essere effettuata direttamente dal competente ufficio con le modalità previste dal regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005, n. 68, a mezzo di posta elettronica certificata, all'indirizzo del destinatario risultante dall'indice nazionale degli indirizzi di posta elettronica certificata (INI-PEC). All'ufficio sono consentite la consultazione telematica e l'estrazione, anche in forma massiva, di tali indirizzi. Se la casella di posta elettronica risulta satura, l'ufficio effettua un secondo tentativo di consegna decorsi almeno sette giorni dal primo invio. Se anche a seguito di tale tentativo la casella di posta elettronica risulta satura oppure se l'indirizzo di posta elettronica del destinatario non risulta valido o attivo, la notificazione deve essere eseguita mediante deposito telematico dell'atto nell'area riservata del sito internet della società InfoCamere Scpa e pubblicazione, entro il secondo giorno successivo a quello di deposito, del relativo avviso nello stesso sito, per la durata di quindici giorni; l'ufficio inoltre dà notizia al destinatario dell'avvenuta notificazione dell'atto a mezzo di lettera raccomandata, senza ulteriori adempimenti a proprio carico.(...)

 

7. Le disposizioni di cui al comma 6 si applicano alle notificazioni degli avvisi e degli altri atti che per legge devono essere notificati ai contribuenti effettuate a decorrere dal 1º luglio 2017. Resta ferma per gli avvisi e gli altri atti che per legge devono essere notificati fino al 30 giugno 2017 la disciplina vigente prima della data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto.

 

 




Aiutaci a darti un servizio migliore
Valuta la qualitÓ dei contenuti di questa pagina



Non ´┐Ż presente alcun ufficio di riferimento per questa pagina

[ inizio pagina ]